Turchia, arresti tra i collaboratori di Amnesty: anche il direttore in manette

Europe, Italy


di MARIAGRAZIA DI RAIMONDO – La Turchia continua ad avere pugno duro sul tema dei diritti umani. Poche ore fa è stato arrestato il direttore di Amnesty International Turchia, Idil Eser, insieme ad altri 11 collaboratori tra cui due stranieri, un tedesco e uno svedese. Le 12 persone sono state fermate mentre partecipavano ad un meeting, sulla “Sicurezza informatica” in un hotel di Buyukada (isola a largo di Istanbul).

Già a Giugno si è verificato l’arresto del presidente di Amnesty, Taner Kiliç, che è stato avvocato del giornalista Gabriele Del Grande, durante la sua detenzione in Turchia. Salil Shetty segretario generale dell’ong ha dichiarato: “devono essere liberati immediatamente e senza condizioni, è un grottesco abuso di potere, che sottolinea le condizioni precarie che affrontano gli attivisti per i diritti civili nel Paese”. Attualmente sono circa 50 mila le persone imprigionate in territorio turco per essersi opposti al governo di Erdogan e 150 mila quelli che hanno perso il lavoro.

Source link

Articles You May Like

Hammond, under pressure on budget, promises more homes
House ethics panel investigating allegations against U.S. Rep. Conyers
Apple scientists disclose self-driving car research
Trump adds five conservatives to list of possible Supreme Court picks
Airbus faces tricky hurdles over stalled A380 Emirates deal

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *