Napoli, marcia indietro del Sun: non è la più pericolosa

Italy


di ILEANA CIRULLI – Lo scorso 11 luglio, il Sun aveva pubblicato in un articolo una classifica delle 11 città ritenute per varie ragioni: dal terrorismo alla droga, dagli omicidi alla presenza di gang mafiose o criminali, dalla guerra alla violazione dei diritti umani. In tale lista compariva anche Napoli, indicata come la città più pericolosa dell’Europa occidentale. Ieri sera, però, l’articolo è stato aggiornato e la città partenopea è stata rimossa da tale elenco.

Tuttavia, come accertato dallo stesso ambasciatore a Londra Pasquale Terracciano -che, tra l’altro, è napoletano -, il capoluogo campano non è mai stato inserito “in nessuna classifica ufficiale delle 50 città più pericolose del mondo”. E sulla sua pagina Facebook, con l’hashtag ‘Fake News’, la stessa Ambasciata italiana ha espresso il suo parere: “Il Sun deve aver avuto un colpo di sole. Ha confuso la fiction con la realtà, quando ha associato la città del Vesuvio a Raqqa, Mogadiscio e Grozny”.

Il motivo per cui sia accaduto tale ripensamento non è chiaro: probabilmente saranno stati i tanti commenti negativi riguardanti l’articolo in questione che avranno costretto il tabloid inglese a rimediare. O, forse, proprio dopo la presa di posizione dell’Ambasciata per quello che è sembrato un vero e proprio scivolone o, persino, per evitare che la storia finisse con una querela da parte di Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, che si è vista paragonata a Raqqa, capitale siriana dello Stato islamico, e a Mogadiscio. Anche de Magistris, infatti, ha espresso il suo dissenso: “Giudizio falso e superficiale da chi non ha mai passato un giorno in città”.

Articles You May Like

Lavoro: Amazon apre un nuovo deposito di smistamento a Burago di Molgora
Europe prepares to hit Google with another huge fine
Grillo: "Il sistema delle carceri in Italia non funziona più"
Banca d’Italia: "A maggio 2018 debito pubblico ha raggiunto 2327 miliardi"
Farmindustria: "L’Italia è il primo produttore farmaceutico dell’Unione Europea"

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *