Le ‘mani’ di Cosa nostra sul mercato ortofrutticolo di Palermo, confiscati 150 milioni

Italy


PALERMO – Cosa nostra aveva pian piano messo radici sul mercato ortofrutticolo di Palermo, su un impero da 150 milioni di euro. La Dia di Palermo ha eseguito la confisca di un ingente patrimonio sottratto a due imprenditori, ritenuti contigui alla mafia. Il provvedimento è della sezione Misure di prevenzione del Tribunale palermitano.

In particolare le indagini hanno fatto luce sull’infiltrazione della criminalità organizzata nel Mercato ortofrutticolo del capoluogo, sia direttamente sia attraverso prestanome, sotto l’influenza della potente cosca dell’Acquasanta capeggiata dai Galatolo.

I due imprenditori, titolari di vari stand, avevano monopolizzato l’attività del mercato attraverso i servizi forniti dalla Cooperativa Carovana Santa Rosalia, attiva nella compravendita di merce e servizi come facchinaggio, parcheggio, trasporto e vendita di cassette di legno e materiale da imballaggio. Posti sotto sequestro numerosi fabbricati, appartamenti, terreni, negozi e magazzini, quote di partecipazione societaria, autocarri, auto e moto veicoli e diversi rapporti bancari e rapporti finanziari.



Source link

Articles You May Like

Trump pronto ad annunciare dazi per 200 mld
Niger: rapito sacerdote italiano, sospetti ricadono su jihadisti
Mercato europeo dell’auto in crescita: +10% a luglio e +29,8% ad agosto
Mattarella: "Stampa credibile è fondamento democrazia"
Mattarella: "Non è accettabile morire per un gioco perverso in chat"

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *