Genova, vittime salgono a 37: morti anche 3 bambini

Italy


Si allunga la scia di morte su Genova. Aumentano ancora le vittime provocate del crollo del ponte Morandi: nel corso della notte, secondo gli ultimi dati del Viminale, il bilancio è salito a 37 morti, di cui 3 non identificati. Tra loro anche un bambino di 8 anni e due adolescenti di 12 e 13 anni.

Scende a 15, invece, il numero dei feriti ricoverati negli ospedale, tra cui 12 in codice rosso: una persona è stata infatti dimessa nella tarda serata di ieri. Le ricerche dei corpi e di eventuali superstiti sono andate avanti tutti la notte e proseguiranno nelle prossime ore. Le squadre dei vigili del fuoco hanno lavorato sui due lati del Polcevera in cui ci concentrano le macerie e anche nel letto del torrente.

A causare il parziale cedimento è stato forse un violento nubifragio che si è abbattuto sulla città.

“C’è il rischio che altre parti del ponte possano crollare, per questo motivo abbiamo sfollato le persone da tutti gli edifici circostanti”. Lo ha detto uno dei soccorritori al lavoro nei pressi del ponte crollato. “Al momento del crollo transitavano 30-35 autovetture e tre mezzi pesanti” ha detto il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli.

In via precauzionale sono state sgomberate alcune palazzine più vicine alla parta di ponte che non è crollata. Entrambe le carreggiate sono precipitate al suolo per circa cento metri. Si sospettano persone sotto le macerie e sono in corso verifiche degli operatori del 118.

Sono in totale 440 le persone costrette a lasciare la propria abitazione a seguito del crollo che ha interessato questa mattina il ponte Morandi a Genova. Il numero potrebbe aumentare poiché sono ancora in corso le valutazioni sugli sgomberi. Lo rende noto il Comune di Genova. La Protezione Civile del Comune di Genova ha provveduto finora a far evacuare 11 palazzi e la situazione è sotto monitoraggio costante.

Il ponte crollato ha travolto tra l’altro una parte di un capannone dell’Amiu, l’azienda ambientale del comune di Genova.


Il ministro Toninelli: “Tragedia immane” – “Si profila un’immane tragedia”. È quanto afferma il ministro per le Infrastruttre e Trasporti, Danilo Toninelli. “Sto seguendo con la massima apprensione ciò – riferisce il ministro in un tweet – che è accaduto a Genova e che si profila come immane tragedia. Siamo in stretto contatto con Autostrade e stiamo andando sul luogo con il viceministro, Edoardo Rixi. La mia totale vicinanza in queste ore alla città”.

Il cordoglio del governatore pugliese Emiliano – “La Puglia è vicina alla città di Genova e alla Regione Liguria in questa tragica giornata e si unisce al dolore, immenso, che tutti gli italiani stanno provando in queste ore”. Sono le parole di cordoglio del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano con riferimento al crollo del ponte di Genova.



Source link

Articles You May Like

Mattarella: "Non è accettabile morire per un gioco perverso in chat"
Di Maio: "Ho piena fiducia nel ministro Tria"
Il centrodestra riunito fa paura al M5S
Florence declassato ma vittime salgono a 11
Vaccini: Campania e Basilicata non in regola

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *