Bulgaria, giornalista stuprata e uccisa lavorava su un caso di corruzione

Italy


SOFIA – La giornalista bulgara di 39 anni, stuprata e uccisa sabato in un parco, nell’ultimo periodo stava lavorando su una presunta corruzione che coinvolge i fondi dell’Ue. A renderlo noto il sito Politico.eu. Secondo la polizia non ci sono legami tra l’omicidio di Viktoria Marinova e il suo lavoro ma gruppi anti-corruzione e membri del Parlamento europeo hanno chiesto un’indagine completa sulla morte.

“Scioccato dall’orribile assassinio in Bulgaria della giornalista investigativa Victoria Marinova. Chiedere urgentemente un’indagine completa e approfondita. I responsabili devono essere chiamati a renderne conto”, ha twittato il rappresentante dell’Osce per la libertà dei media, Harlem De’sir.

L’ultima puntata della Marinova, che lavora per l’emittente locale Tvn, ha riguardato un’indagine di un gruppo di giornalisti bulgari su società coinvolte in progetti infrastrutturali finanziati dall’Ue e amministrati dalle autorità locali. Ha affermato che il 30-40% dei finanziamenti ricevuti da un gruppo di società è stato perso per corruzione e tangenti.



Source link

Articles You May Like

Borgo Mezzanone, interviene Paoloni (Sap): "Basta strumentalizzare, aggressione c’è stata"
20 people killed when flooding wipes out part of school in Indonesia
Mattarella: "Potere inebria, servono contrappesi Costituzione"
Saudi Arabia: Any US sanctions over Khashoggi would 'stab its own economy to death'
120 anni Figc, i richiami di Mattarella

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *